Randagismo a Bali – Esperienza personale #viaggiobali 2014

Randagismo a Bali

Mi sono informato molto. I forum sul web, le riviste specializzate, i libri.
Lo faccio sempre prima di partire.
Ovunque andassi a cercare una risposta c’era sempre qualcuno che scriveva o diceva la sua sull’argomento; tutti però erano concordi nell’affermare che il “pericolo cani randagi” è una realtà sull’isola indonesiana di Bali.
Alcuni dichiaravano che questi animali sono particolarmente aggressivi e consigliavano di starne alla larga, anche per le malattie di cui sono vettori.
Mi consigliavano vaccinazioni antirabbiche non tanto per il pericolo di venire a contatto con animali selvatici come scimmie e ratti ma nel caso un cane mi mordesse.
Sono partito allora con tanta voglia di capire. Volevo sapere se dall’altra parte del mondo il cane fosse diventato il peggior nemico dell’uomo.
Sul posto ho constatato che numerosi randagi si aggirano per i villaggi, spesso sono malati e malnutriti. Il governo, a volte, adotta rimedi drastici e violenti per contenere quella che reputano sia una “piaga” del Paese.
A Bali operano diverse associazioni animaliste per la tutela dei cani randagi ma il problema ha una portata maggiore di quanto potessi immaginare.

Ho anche capito di persona che la loro pessima fama non è giustificata.
Dall’altra parte del mondo un cagnolino scodinzola allo stesso modo e rimane un fidato amico degno di stima, rispetto e amore.

Sostenete BAWA, una delle associazioni no-profit dell’isola.
http://bawabali.com

Nella foto due miei amici, io li chiamo Padang e Padang
Spiaggia di Jimbaran, Indonesia 2014
‪Su facebook leggi #‎viaggiobali‬

Randagismo a Bali - Daniele_Panareo_Fotografo_- Randagismo a Bali - Daniele_Panareo_Fotografo_-01677 Randagismo a Bali - Daniele_Panareo_Fotografo_-01711

Share

Lascia un commento