Archivi categoria: Poesie

L’arte della parola nelle poesie dei grandi Poeti italiani e internazionali.

L’ESPERIENZA – Le poesie di Trilussa su Photosurf

L’ESPERIENZA
Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

— So’ cent’anni che sto ar monno
— barbottava un Pappagallo —
oramai ciò fatto er callo,
lo conosco troppo a fonno
e per questo so’ prudente
co’ le cose e co’ la gente.
Quanno parlo faccio in modo
che nun dico quer che penso:
sarò finto, ma in compenso
me la rido e me la godo
quanno sento un infelice
che nun pensa quer che dice.

Il sonetto di Trilussa “L’ESPERIENZA”. Nel sito Photosurf troverai una raccolta dei maggiori componimenti e poesie romanesche del poeta Carlo Alberto Salustri.

Trilussa, pseudonimo anagrammatico di Carlo Alberto Camillo Marianum Salustri (Roma, 26 ottobre 1871 – Roma, 21 dicembre 1950), è stato un poeta italiano, noto per le sue composizioni in dialetto romanesco.

Trilussa fu il terzo grande poeta dialettale romano comparso sulla scena dall’Ottocento in poi: se Belli con il suo realismo espressivo prese a piene mani la lingua degli strati più popolari per farla confluire in brevi icastici sonetti, invece Pascarella propose la lingua del popolano dell’Italia Unita che aspira alla cultura e al ceto borghese inserita in un respiro narrativo più ampio. Infine Trilussa ideò un linguaggio ancora più prossimo all’italiano nel tentativo di portare il vernacolo del Belli verso l’alto. Trilussa alla Roma popolana sostituì quella borghese, alla satira storica l’umorismo della cronaca quotidiana.

La poesia romanesca “L’ESPERIENZA” su Photosurf, scivolando tra la luce.

L’EROE PRUDENTE – Le poesie di Trilussa su Photosurf

L’EROE PRUDENTE
Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Ner mentre che un Agnello
se n’annava ar macello,
sentì un Montone che strillava: — Evviva!
Fatte coraggio! Pensa quant’è bello
de morì per l’idea, tutt’a vantaggio
de quela gente che rimane viva!
La vita, in fonno, è un ponte de passaggio
che ce riporta tutti all’antra riva…
— Tu parli propio bene, amico mio,
— je rispose l’Agnello — e se pur’io
facevo in tempo a diventà montone
sarei de la medesima opinione:
ma invece de scoccià, come fai te,
con una mucchia de parole belle,
risicherei la pelle…
che me procura quela luce interna:
ogni vorta che accènno la lanterna
li Pipistrelli arroteno li denti…
— Capisco, — disse er Rospo — rappresenti
la Civirtà moderna
che per illuminà chi sta a l’oscuro
ogni tantino dà la testa ar muro…
18 giugno 1916

Il sonetto di Trilussa “L’EROE PRUDENTE”. Nel sito Photosurf troverai una raccolta dei maggiori componimenti e poesie romanesche del poeta Carlo Alberto Salustri.

Trilussa, pseudonimo anagrammatico di Carlo Alberto Camillo Marianum Salustri (Roma, 26 ottobre 1871 – Roma, 21 dicembre 1950), è stato un poeta italiano, noto per le sue composizioni in dialetto romanesco.

Trilussa fu il terzo grande poeta dialettale romano comparso sulla scena dall’Ottocento in poi: se Belli con il suo realismo espressivo prese a piene mani la lingua degli strati più popolari per farla confluire in brevi icastici sonetti, invece Pascarella propose la lingua del popolano dell’Italia Unita che aspira alla cultura e al ceto borghese inserita in un respiro narrativo più ampio. Infine Trilussa ideò un linguaggio ancora più prossimo all’italiano nel tentativo di portare il vernacolo del Belli verso l’alto. Trilussa alla Roma popolana sostituì quella borghese, alla satira storica l’umorismo della cronaca quotidiana.

La poesia romanesca “L’EROE PRUDENTE” su Photosurf, scivolando tra la luce.